IL RESTO NON CONTA.

foto di Intriganti Confessioni.
Il suo sguardo si fa sempre più cupo mentre legge la relazione che aveva fatto in precedenza su di lei, con i dati che gli aveva fornito Lucrezia.
-La signora mi ha contattato per i suoi attacchi di panico. Ha trent'anni, separata, senza figli, impiegata alla corte di conti, figlia unica....-
Non prosegue oltre, cambia idea, richiude il fascicolo e lo rimette nello schedario, lo conosce a memoria.
Scuote la testa: <<In te c'è di più di quello che mi hai de...tto. Cosa mi nascondi.....Lucrezia?>> Un secondo dopo l'immagine di lei entra con prepotenza nella sua mente. Rivede la bocca volitiva, la pelle indecentemente provocante, sente l'adrenalina percorrere i suoi nervi, arrivare in ogni angolo del corpo.
<<La verità è una sola ed è sempre l stessa. La voglio, per me, il resto non conta.>>
Esce dallo studio e richiude sbattendo la porta dietro di sé.
Igor indossa un completo gessato blu chiaro, camicia bianca, con i primi tre bottoni del colletto slacciati. Ha i capelli spettinati e i suoi occhi neri, hanno una strana luce, un'idea è nella sua mente e questo è il momento adatto per metterla in pratica. Esce dal palazzo e si ritrova sulla strada. Prima di salire sulla sua splendida moto, una Guzzi, nera digita sul cellulare il numero di Lucrezia. Il telefono squilla a vuoto sono le 11:00 di sera.
<<Cazzo, ma dove sei?>> La voce è tesa, contrariata.

A.G. Monachesi Psicoterapeuta Scrittrice...
Dal libro "La terapia del bastardo di razza" di A. G. Monachesi
Phasar Edizioni - Ordinabile in qualsiasi libreria - E-Book
www.phasar.net/catalogo/libro/la-terapia-del-bastardo-di-razza

Commenti

Post popolari in questo blog

BUONANOTTE! ANGELI DELLA NOTTE!

BUONANOTTE! DESTINO!