FA FATICA A STARE IN PIEDI

Lucrezia sente il suo sguardo erotico su di sé. esce dai suoi slip alzando un piede uno dopo l'altro. E' completamente nuda ma così lo eccita ancora di più e ne trae piacere. Igor si inginocchia dietro di lei, le accarezza il sedere, le stringe con le sue mani le natiche, le pizzica, e le bacia. Lei geme nel sentire l'effetto delle sue mani avverte il calore al basso ventre, fa fatica a stare in piedi.
<<Il tuo culo è così invitante. Avvicinati al letto, chinati e appoggia le tue mani sul bordo.>>
Lucrezia ubbidisce la smania si fa insopportabile e solo lui può calmarla.
<<Apri le gambe.>> Le ordina con la sua voce roca.
Lei ubbidisce ancora una volta.
Igor si alza da terra e rimane in piedi, fa scendere giù la zip dei pantaloni, li sfila via insieme ai boxer, liberando il suo membro.
<<Da come mi sento, farò presto piccola.>>
Le afferra i fianchi per attirarla ancora di più a sé. Entra ed esce con spinte sempre più forti.
<<Si, così.>> grida Lucrezia.

Dal libro "La terapia del bastardo di razza" di A. G. Monachesi  Phasar Edizioni
Ordinabile in qualsiasi libreria   E-Book
www.ivestigatricedellanima.com/catalogo/libro/la-terapia-del-bastardo-di-razza

Commenti

Post popolari in questo blog

BUONANOTTE! ANGELI DELLA NOTTE!

BUONANOTTE! DESTINO!