LA VIOLENZA

 <<Sei una tigre, mi ecciti di più se fai così.>> Il suo fiato puzza d'alcol.
Lucrezia per tutta risposta gli molla gli molla una sberla con tutta la forza che ha in corpo.
<<Ai! Maledetta cagna!>>
La butta contro l'auto mentre con la mano lercia e umidiccia dalle dita che sembrano artigli, la graffia salendo lungo la sua coscia....
Un viso a lei familiare compare dietro le spalle dell'uomo.
<<Toglile di dosso quelle cazzo di mani.>> La voce è dura e fredda.
<<E' una puttana!.>>
Si scosta di poco da lei si gira e Igor gli tira un veloce e forte pugno alla mascella, lui non lo vede arrivare e si accartoccia per terra, come un sacco dell'immondizia.
<<Igor fermati!>> Gli dice Lucrezia vedendo i suoi occhi iniettati di sangue.
Si blocca con difficoltà, fissa l'uomo che è a terra, con l'ira che scorre nel suo corpo potrebbe ammazzarlo.
<<Vattene, stronzo!>>

Dal libro"La terapia del bastardo di razza" di A. G. Monachesi
Phasar Edizioni - Ordinabile in qualsiasi libreria - E-Book
www.phasar.net/catalogo/libro/la-terapia-del-bastardo-di-razza
 

Commenti

Post popolari in questo blog

BUONANOTTE! ANGELI DELLA NOTTE!

BUONANOTTE! DESTINO!